Il sogno nel bagaglio compie due anni

Una tazza di tè fumante mi attende oltre lo schermo del mio portatile, aspetto che si raffreddi prima di berlo. Sembra quasi un suggerimento per dirmi come devo iniziare questo post. La tazza in questione è quella di una famosa casa di prodotti da forno italiana, era carina ed era in omaggio se comperavi… non ricordo più cosa. Al suo interno è incisa una frase:
Questa storia inizia con…

Continua a leggere

Le gaffe in viaggio

Come dicevo nel post della scorsa settimana, oggi vi presento la mia nuova iniziativa. A chi non è mai capitato di trovarsi di fronte a una situazione un po’ imbarazzante causata da una gaffe sfuggita inconsapevolmente. Succede. Si dice che la gaffe si manifesti spontaneamente guidata dal nostro subconscio, potrebbe essere una teoria plausibile. Avete presente quando abbiamo un appuntamento a cui teniamo in modo particolare?  E’ un classico: l’incontro potrebbe rivelarsi fatale. Il confronto ci fa commettere pasticci causati dalla tensione. Capita. In alcune situazioni potrebbe accadere di sentire il forte desiderio di dire quello che si pensa e un “sincero parere” potrebbe sfuggire dalle nostre labbra inavvertitamente, rovinando la scena in modo definitivo.
Al contrario, ci sono gaffe tanto carine, quelle che vengono ricordate da amici e parenti ogni qual volta vi incontrate. L’episodio in questione verrà citato senza tralasciare nemmeno un dettaglio mettendovi in ridicolo agli occhi dei nuovi ignari presenti, ed è inutile sperare di poter scomparire dentro la scatola di cioccolatini in bella vista sul tavolo, con la speranza di confondervi tra le più anonime delle praline racchiuse in una velina color paglierino. Di contro non possiamo tralasciare di dire che alcune gaffe possono essere un buon veicolo di comunicazione: forse non avrei mai conosciuto due amici francesi se… non avessi rovesciato un boccale di birra sui pantaloni di Serge.

Continua a leggere

Scriviamo un racconto

Da quando ho iniziato questa esperienza sul web ho conosciuto una moltitudine eterogenea di persone interessanti, ritrovandomi piacevolmente a seguire i loro siti, affascinata dalla creatività di questo, attratta dalla genialità di quello, sorpresa dalla competitività di quell’altro autore. Tutto questo per dire che il mondo virtuale, di cui faccio parte anch’io da qualche tempo, è una continua fonte di ispirazione e oggi mi porta a farvi una proposta.


Voglio invitarvi a valutare un progetto che ci vedrà protagonisti di un avventura comune. Spero che possiate aiutarmi perché senza la vostra collaborazione il progetto non avrebbe alcun senso. L’idea principale sarebbe quella di scrivere un racconto di fantasia, dalla trama sconosciuta, con ostacoli sul percorso. Proseguo con più dettagli, seguitemi.

Continua a leggere

Per un Boccale di birra

Attraverso il tendaggio pesante filtrava un filo di luce.

Andai in bagno e poi svegliai anche mio marito. La giornata era stupenda,

a Parigi tutte le giornate sono belle, anche quando piove.

Il nostro treno sarebbe partito dopo 3 ore, dovevamo prepararci.

Dopo colazione andammo alla Gare de l’Est, il treno partì puntuale,

salimmo sulla carrozza un po’ tristi al pensiero di lasciare

la nostra amata capitale francese. Ricordo che durante

il viaggio si scherzava, pensando agli ultimi giorni trascorsi a Parigi.

Senza accorgerci del tempo che passava, arrivammo a destinazione: Strasburgo

La città francese è il capoluogo dell’Alsazia, terra ad est della Francia,

al confine con la Germania. Alla stazione, prendemmo un taxi

che ci accompagnò all’hotel  http://www.hotel-franciscain.net

confortevole sistemazione, anche per l’abbondante colazione

servita in una suggestiva cantina.  Continua a leggere